Paradontologia

ParadontologiaLa Parodontologia è lo studio specialistico di tessuti duri e molli che supportano i denti e li mantengono in buono stato di salute funzionale in bocca. Questo apparato, noto come parodonto, ha alcune funzioni molto importanti: consolida saldamente i denti nella mascella superiore e nella mandibola; in pratica si comporta come un ammortizzatore durante la masticazione e quindi aiuta a proteggere i denti da forze eccessive; sostiene i denti in una posizione stabile nei mascellari in modo che funzionino in modo efficiente e confortevole durante la masticazione.

Il parodonto è composto da più strutture componenti che funzionano insieme. L’alveolo dentale nell’osso mascellare è la sede in cui è posizionato il dente. Sotto le gengive, la radice dei denti (di solito non visibili in una bocca sana) si estendono nell’alveolo dentale e sono coperti da uno strato di cemento. Tra il cemento radicolare e l’alveolo osseo vi è un complesso accordo di minuscole fibre, note come il legamento parodontale, che sostiene il dente nella sua sede quasi come una fionda.
Poiché le diverse parti del periodonto sono in tessuti viventi, sono anche in grado di adattarsi ai cambiamenti della bocca nel tempo, rendendo minime le variazioni di forma e spessore che mantengono la posizione dei denti con stabilità.

Perché è importante la parodontologia?
Il cavo orale può essere visto come uno specchio dello stato di salute generale del proprio corpo. In particolare, il nostro status parodontale spesso può dirci molto di più di cio che ci appare semplicemente osservando localmente le nostre gengive. Sebbene la parodontite sia sempre attivata da accumulo di placca sui denti, le malattie che colpiscono il resto del corpo, definite malattie sistemiche, possono indebolire le strutture di supporto dei denti oppure essere rivelate proprio con un accurato esame e diagnosi effettuato dalle gengive.
Infatti alcune malattie sistemiche più o meno gravi tendono a manifestarsi in bocca prima che siano evidenti in qualsiasi altra parte del corpo. Pertanto, a volte è il caso che una visita parodontale addestrato è il primo a rilevare i segni di una malattia generale, quali diabete o disturbi del sangue, nell’esaminare bocca del paziente. A causa di questa associazione con la salute generale e sovrapposizioni con altre discipline mediche, parodontologia può a ragione essere considerato come una forma di ‘olistica’ di odontoiatria.

Paradontologia

Diagnosi: Solitamente il primo stadio di malattia delle gengive è la gengivite, con sintomi di infiammazione classici quali arrossamento, gonfiore, sanguinamento, accompagnati spesso da notevole sensibilità. Questo quadro è ancora reversibile ovvero curabile senza estese lesioni e perdita ai tessuti circostanti Se non limitato in maniera adeguata e con costanza nel tempo ne può derivare la malattia paradontale (con diversi aspetti e quadri clinici) definita anche in passato più genericamente piorrea. Questa successiva infiammazione altra non solo le gengive ma anche l’osso e le altre strutture contigue alle radici con danni spesso non completamente reversibili e che nei casi più gravi può portare alla mobilità e perdita di elementi dentali apparentemente sani e integri.