Endodonzia

L’endodonzia è il settore dell’odontoiatria che si occupa della terapia della parte interna del dente o polpa, l’endodonto.

La terapia endodontica è il trattamento eseguito all’interno delle radici dentali ed è necessario quando la polpa del dente si infiamma o si infetta. L’infiammazione o infezione può avere una varietà di cause: carie profondo, procedure dentali ripetuti sul dente, corone dentali infiltrate nel tempo, o una crepa o frattura nel dente.
Anche un trauma al dente può causare danni o lesioni, anche se il dente non presenta fratture visibili o crepe. Se l’infiammazione o infezione polpa non viene trattata, può causare dolore o portare ad un ascesso.

Endodonzia

In corso di cura canalare (o trattamento endodontico o devitalizzazione), la polpa infiammata o infetta viene rimossa e l’interno del dente viene accuratamente pulito e disinfettato prima, quindi riempito e sigillato con un materiale gommoso chiamato guttaperca.
Successivamente, il dente viene restaurato con una corona proteica o sigillato e ricostruito con materiale composito estetico per proteggerlo dal carico masticatorio e da nuove infiltrazioni batteriche. Dopo il restauro, il dente continua a funzionare come qualsiasi altro dente.

In sintesi:

  • Consiste nella rimozione della polpa (nervo dentale) infiammata e infetta, presente all’interno del dente e per tutta la lunghezza delle radici
  • Adeguata detersione e sagomatura dei canali radicolari
  • Esecuzione di un’otturazione permanente in guttaperca e cemento canalare, previa.

Cosa si ottiene con il trattamento endodontico? Il risultato è che il dente non sarà più contaminato dai batteri e, dopo un’adeguata ricostruzione della corona, potrà continuare a svolgere le stesse funzioni di un dente integro.

La percentuale di successo di una cura canalare corretta è, in condizioni normali, elevata. Più complessa è la terapia di ritrattamento endodontico ovvero quando è necessario ripetere la procedura per un insuccesso precedente (reinfezione, complessità anatomiche, difficoltà obiettive)